Attività di audit presso le imprese fintech (persone secondo l’art. 1b LBCR)

Le società di audit svolgono un ruolo molto importante nell’audit prudenziale corrente delle imprese fintech. Esse controllano che i requisiti regolamentari siano rispettati. Devono inoltre tenere conto dei rischi significativi ai quali gli assoggettati alla vigilanza sono esposti.

Analisi dei rischi e strategia di audit

Entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio, le società di audit inoltrano, in via elettronica, la loro stima della situazione di rischio dell’istituto come pure la conseguente strategia di audit della FINMA mediante un modulo standardizzato. Il rischio netto nei campi di verifica determina la periodicità dell'audit e l'ampiezza con cui deve essere effettuato. Le società di audit attuano la strategia di audit in loco presso gli assoggettati.

Rendiconto

In un rapporto standardizzato sull'audit prudenziale le società di audit comunicano alla FINMA le loro constatazioni e raccomandazioni sulla base delle verifiche svolte.
Il rapporto contiene indicazioni generali relative allo svolgimento dell'audit, una dichiarazione di indipendenza della società di audit nonché ulteriori informazioni in conformità alle disposizioni impartite dalla FINMA. L’inoltro avviene in via elettronica mediante un modulo standardizzato.

2013/03 Circolare FINMA Attività di audit (06.12.2012)

Attività di audit

Ultima modifica: 04.12.2019 Dimensioni: 0,58  MB
Aggiungere ai favoriti
Rapporto sull'audit prudenziale delle banche

Applicabile al rendiconto a partire dal 1.1.2018

Ultima modifica: 01.01.2020 Dimensioni: 0,2  MB
Aggiungere ai favoriti
Prestazioni di servizio delle società di audit abilitate

Ultima modifica: 31.07.2018 Dimensioni: 0,4  MB
Aggiungere ai favoriti
Backgroundimage