Vigilanza nell'ambito della tecnofinanza

La FINMA vigila sugli istituti in possesso di un’autorizzazione nell’ambito della tecnofinanza (persone secondo l'art. 1b LBCR) in modo orientato ai rischi e basato sui principi. Al riguardo, le società di audit svolgono un ruolo importante.

Gli istituti autorizzati in possesso di un’autorizzazione nell’ambito della tecnofinanza sottostanno alla vigilanza della FINMA. Al riguardo, un aspetto centrale è il costante rispetto delle condizioni di autorizzazione. Inoltre, la FINMA tiene adeguatamente conto del fatto che i depositi presso istituti in possesso di un’autorizzazione nell’ambito della tecnofinanza non sottostanno alla garanzia dei depositi secondo la LBCR. Le basi legali della sorveglianza sono disciplinate dalla Legge sulle banche (LBCR) e dall’Ordinanza sulle banche (OBCR) e ulteriori dettagli nelle corrispondenti circolari della FINMA.

Vigilanza continua

Il sistema di vigilanza della FINMA opera una distinzione fra vigilanza diretta, in cui l'attività di vigilanza è svolta dalla FINMA stessa, e vigilanza indiretta, in cui la FINMA impiega una società di audit prudenziale quale braccio prolungato. Nella fattispecie, la FINMA si basa sull’attività svolta dalle società di audit, le quali sono abilitate dall’Autorità federale di sorveglianza dei revisori. Su mandato degli assoggettati e nel rispetto delle istruzioni impartite dalla FINMA, esse effettuano regolarmente verifiche prudenziali presso gli istituti. Inoltre, la FINMA dispone di vari strumenti di vigilanza di cui essa si avvale in parte in maniera autonoma e sul posto. In funzione delle esigenze la FINMA può effettuare rilevamenti dei dati.

 

Informazioni concernenti i requisiti specifici per l'attività di audit nell'ambito della tecnofinanza.

Obblighi d'informazione

Qualsivoglia mutamento dei fatti soggiacente all’autorizzazione deve essere comunicato alla FINMA.Se il mutamento è di grande importanza, per proseguire la propria attività l’istituto finanziario deve ottenere previamente l’autorizzazione della FINMA. 

Backgroundimage